Presentato il programma per la festa patronale

Il concerto di Fiordaliso il clou della manifestazione
3 Agosto 2004
Senza didascalia
Per i mattinatesi il tramonto della stagione estiva ha sempre coinciso con l'avvento della Festa Patronale, forse il modo migliore di festeggiare prima di tuffarsi a capo fitto nella placida stagione fredda. I festeggiamenti in onore di Santa Maria della Luce, anche quest'anno prevedono un calendario religioso ed uno riguardante le manifestazioni civili, sicuramente il fiore all'occhiello per i tanti giovani che si cimenteranno a spendere gli ultimi spiccioli accumulati durante le lunghe ferie, prima di spasimarsi di nuovo sui libri. Come tutti gli anni, in preparazione alla festa, la Novena dedicata alla Madonna inizierà il giorno 6 settembre. Il giorno 13 ad aprire i festeggiamenti, oltre alle chiassose giostre che spiattelleranno la loro musica già da molti giorni prima, sarà l'ormai consueta Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. l'Arcivescovo Domenico D'Ambrosio, nel giorno del 14∞ anniversario della Dedizione della Chiesa Abbaziale. Poi nella tre giorni sarà davvero difficile rinunciare a qualche Santa Messa celebrata dal Parroco don Francesco La Torre e dai suoi sacerdoti collaboratori, visto che ce ne sono in programma a più ore nell'arco della giornata. Nè tanto meno si potrà rinunciare alla Sacra Processione di Santa Maria della Luce attraverso il centro abitato, che esprime sicuramente il punto fermo di tutta la manifestazione. Anche quest'anno sarà effettuata il giorno 16 e chiuderà fattivamente il programma religioso. Le manifestazioni civili prevedono oltre ai soliti ed entusiasmanti giochi pirotecnici (distribuiti in tutti i giorni di festa, ma che trovano sicuramente il clou verso la mezzanotte dell'ultimo giorno a chiusura della manifestazione) la presenza di Bande Musicali di Mattinata, Manfredonia, Fisciano e della Filarmonica Mediterranea. Ma l'appuntamento da non perdere, pezzo forte degli organizzatori, è sicuramente la presenza della nota cantante Fiordaliso, che si esibirà il giorno 16 e che attirerà sicuramente, oltre ai fans e agli immancabili cultori di buona musica, la curiosità di quanti nel volto famoso trovano sempre un motivo per spettegolare. Insomma anche quest'anno il Comitato (tra cui ci preme sottolineare la presenza dell'ormai immancabile Carmine Zaffarano, punto di riferimento costante per gli encomiabili organizzatori) ha concentrato le proprie fatiche attorno ad un programma che, non solo nell'apparenza, presenta pochi punti deboli.

La Redazione