11 luglio 2012. Festa di San Benedetto Abate

XXIX pellegrinaggio escursionistico a Monte Sacro
9 Luglio 2012
San Benedetto Abate
San Benedetto Abate

Tutto è pronto per l’annuale Pellegrinaggio Escursionistico a Monte Sacro, come si evince dal programma delle iniziative affisso in queste ore sui muri di Mattinata a cura della Civica Amministrazione e della Comunità parrocchiale della cittadina garganica.

L’Abbazia benedettina della SS.Trinità di Monte Sacro (874 m. s.l.m.) nel territorio di Mattinata è un sito purtroppo ancora sottostimato ma meritevole di attenzione al pari di tanti gioielli esistenti sul territorio nazionale.

Ogni anno l’AGESCI (Associazione Guide e Scout Italiani) gruppo MATTINATA 1, nella settimana che precede l’11 luglio, festa di San Benedetto Abate, si fa promotrice delle Giornate pro Monte Sacro al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e gli ospiti estivi della comunità cittadina mattinatese per la riscoperta e la valorizzazione di questo imponente complesso medievale (X – XV secolo), mirabile esempio di architettura romanico - pugliese, arroccato nel verde sull’alto del monte che sovrasta Mattinata, immerso in una fitta vegetazione, cui si accede dopo una passeggiata lungo un impervio sentiero.

In questa data si tiene annualmente il Pellegrinaggio escursionistico che muove dalle falde del monte e culmina con la celebrazione eucaristica presieduta dal parroco di Mattinata, cui si unisce la comunità monastica della vicina Abbazia di Pulsano. Le prime giornate Pro Monte Sacro furono istituite nel 1983 con l’allestimento di un Campo di Lavoro organizzato a cura del Comitato di Zona AGESCI della provincia di Foggia.

A partire dall’anno successivo 1984 si tenne il 1° Pellegrinaggio escursionistico, giunto alla 29a edizione.  
Ancora oggi è questa un’occasione, unica nel suo genere, per riconciliarsi con lo Spirito all’ombra delle secolari mura consunte dal tempo.  L’Abbazia di Monte Sacro, fin dagli inizi del novecento, è stata oggetto di interesse da parte di studiosi tedeschi, ma non solo, che negli anni si sono avvicendati per recuperare le vestigia architettoniche e monumentali, portando alla luce anche tesori bibliografici sepolti da secoli negli archivi vaticani.

Gli ultimi interventi, a cavallo degli anni novanta del secolo scorso, si devono alle diverse Missioni archeologiche condotte da equipe pluridisciplinari del Museo Nazionale di Norimberga con la collaborazione della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bari. L’Abbazia di Monte Sacro, a detta degli archeologi che ne hanno studiato le vestigia, è un manufatto unico nel suo genere essendo in essa rimasto tutto inalterato, nonostante l’aspetto rovinoso in cui versa, almeno al XV secolo, quando il sito fu abbandonato dalla popolazione monastica, per cause ancora non del tutto accertate, e non più utilizzato  a scopo religioso.

Sono nel contempo fortunatamente mancate realizzazioni antropiche invasive anche nell’utilizzo a fini agricoli fatto nei secoli seguenti dalla popolazione indigena.Di particolare interesse e bellezza il patrimonio scultoreo costituito dai capitelli del nartece, con un voltone ancora integro, e dal portale della Chiesa abbaziale a impianto basilicale a tre navate. 

Il Programma

  • Ore 8.00
    Partenza dalla Chiesa Parrocchiale (servizio navetta gratuito per raggiungere la piazzole in località Stinco)
  • Ore 9.00
    Benedizione del Pellegrino da parte del Parroco Don Francesco La Torre e salita a piedi.
    Sosta intermedia: proclamazione del Vangelo delle Beatitudini. Canto del "Benedictus"
  • Ore 10.30
    All'interno dell'Abbazia: "in ascolto di San Benedetto" riflessione spirituale di Pietro Distante monaco di Pulsano
  • Ore 11.30
    Concelebrazione Eucaristica dei Sacerdoti partecipanti
  • Ore 12.30
    Visita guidata.
    Pranzo a sacco e momento comunitario di fraternità
  • Ore 16.00
    Preghiera del Vespro
  • Ore 19.00
    Celebrazione Eucaristica in Parrocchia

 

Antonio Latino

Per saperne di più

Foto