”Oglio di Cranio Umano” di Michele De Filippo

L’appassionato cultore di tradizioni locali tratta nel suo ultimo lavoro l ‘ambiguo mondo della ritualità magica, della medicina e della religiosità nella tradizione popolare garganica

Oglio di Cranio Umano” è l’inquietante e intrigante titolo del volume. Esso allude all’ambiguo mondo della ritualità magica che con la medicina e la religiosità nella tradizione popolare garganica sono la materia dell’interessante lavoro di Michele De Filippo, appassionato cultore di tradizioni garganiche e già autore dei due volumi dell’opera “Società e Folclore sul Gargano”.

Per De Filippo il Gargano è un’isola culturale nella quale le radici della tradizione sono ancora ben salde e danno vita a riti e pratiche magico – religiose altrove improponibili. Nella presentazione Anna Maria Tripputi, docente nell’Università di Bari di Storia delle tradizioni popolari, svela il titolo: “tratto da un antico “ricettario”, come i manuali di pratiche terapeutiche venivano chiamati, questo a dir poco strano elemento, l’infuso in spirito di vino di polvere del cranio di un uomo morto di morte violenta, serviva a curare mirabilmente il mal caduco”.

Il lavoro, pubblicato da “Claudio Grenzi Editore”, è unico nel suo genere per mole documentaria e copre un vuoto esistente nella ricerca antropologica pugliese. Condotto secondo i nuovi indirizzi metodologici, consente di mettere a nudo, con la massima fedeltà documentaria il vasto mondo delle credenze e delle pratiche terapeutiche del territorio garganico in un arco di tempo abbastanza ampio e giunge fino ai giorni nostri. Il libro è frutto di un rilevamento sul campo, condotto con l’ausilio di numerose fonti orali di tutti centri del Gargano i cui risultati, correlati con le fonti documentarie e letterarie degli ultimi tre secoli, aprono un inquietante scenario.

Credenze e superstizioni, medicina popolare e magia cerimoniale si intrecciano in un territorio aspro ed ostile. Dalla lettura comparata dei testi e delle fonti orali emergono le virtù terapeutiche dell’ asparago selvatico e del pino, dell’ erba paglionica, della marruggine, della parietaria che, usate sotto forma di infusi, decotti o cataplasmi, a seconda dei casi, curavano la malaria e la ritenzione idrica, le malattie della pelle e le affezioni reumatiche, perfino gli avvelenamenti. Questo è il viaggio affascinante che De Filippo propone nel volume, un viaggio alla ricerca delle dinamiche culturali che portano un guaritore a segnare con l’olio benedetto la fronte di un asino per liberarlo dal malocchio o una puerpera che soffre di agalassia a mangiare il pancotto, ritenuto cibo benefico per la discesa del latte.

 


  • Francesco Bisceglia
Cerca

Maggio 2022

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Giugno 2022

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta