Lucio Dalla diventa la star della festa

Il cantautore bolognese canta sulla cassa armonica per la Madonna della Luce
17 Settembre 2004
Senza didascalia
La notizia era passata di bocca in bocca nei giorni scorsi e a darne conferma sono arrivati i manifesti del comune. Festa Patronale di Santa Maria della Luce 15 settembre, Piazza Aldo Moro. Grazie Lucio. Insomma il cantautore bolognese, da sempre affezionato alle Isole Tremiti e al Gargano, era, dopo la visita di met· agosto, di nuovo a Mattinata. Questa volta per prendere parte alla festa della Madre della vera Luce. E se il primo giorno di festa lo ha voluto trascorrere passeggiando per le vie del paese insieme al sindaco Angelo Iannotta, che lo ha ospitato ed accompagnato durante tutta la sua permanenza, il 15 settembre ha addirittura dedicato circa mezz'ora della sua arte a quelli che ha definito quasi concittadini di Mattinata. Sulla cassa armonica, solamente con una pianola elettrica, come una star fa solo se si trova tra amici intimi, si è esibito in sei delle sue indimenticabili canzoni. La piazza, stracolma di mattinatesi, ha con applausi e ovazioni ben inteso il gran regalo che stava ricevendo. Tra i brani eseguiti, due, parola di Lucio Dalla, avevano un filo ed una storia con Mattinata: Marzo 1943 e Caruso. La prima è stata cantata per la prima volta a Mattinata, anzi pi˙ precisamente, come ha detto Dalla, alla Rotonda, sul mare di Mattinata, e solo dopo portata al Festival della canzone italiana di Sanremo. Ma - afferma una signora che allora c'era e gi· apprezzava l'ugola di quel giovane cantante - le parole del testo erano pi˙ audaci e non castigate come quelle di questa sera. Per Caruso, che ha portato in visibilio tutti, Lucio Dalla ha voluto fare una dedica particolare: alle sorelle Stancati, due angeli, ha detto l'artista, che in questi anni lo hanno circondato di attenzioni, facendogli apprezzare il meglio dell'artigianato locale, grazie ai loro rinomati ricami. Lucio Dalla, questa volta, ha voluto portare a Mattinata, tra altri amici, anche Mimmo Paladino, lo scultore e pittore della transavanguardia italiana, ora famoso anche per essere stato chiamato da Renzo Piano a scolpire le porte di bronzo della nuova chiesa di San Pio a San Giovanni Rotondo. Paladino, con Dalla e altri artisti, torneranno a Mattinata: pare che sia in cantiere un progetto artistico ideato dalla Fondazione Lucio Dalla. Di pi˙ per adesso non si sa, ma sembra proprio che anche Mattinata potrebbe parteciparvi ed ospitare l'iniziativa.
Francesco Bisceglia