Premio Francovich alla Basilica di Siponto, Pecorella: ''Straordinario risultato''

Ora è tempo di rimboccarsi le maniche per consolidarne la sua valorizzazione
18 Gennaio 2017

“È un grande riconoscimento per tutto il territorio che da subito ha creduto nelle straordinarie potenzialità di questo sito dalla forte carica innovativa. La dimostrazione arriva anche dai numeri, 18.025 voti a fronte dei 6.983 ottenuti dalle catacombe di Napoli (altro sito vincitore). Ora è tempo di rimboccarsi le maniche per consolidarne la sua valorizzazione e  fruizione e per sviluppare una nuova cultura del territorio e del paesaggio che vada oltre la tradizionale proposta turistica. In questa direzione va proprio l’accordo di valorizzazione dei beni culturali che il Parco Nazionale del Gargano ha siglato con Comune e Curia di Manfredonia, MiBACT, Sovrintendenza Archeologica della Puglia  e Polo Museale, che al momento riguarda proprio la Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto, gli Ipogei Capparelli, il Museo Diocesano e il Castello di Manfredonia, ma che sta suscitando l’interesse di molti altri comuni e proprietari di importanti beni museali e di interesse storico del Gargano”. 

Così il presidente del Parco Stefano Pecorella commenta il conferimento alla Basilica Paleocristiana di Siponto del premio nazionale Francovich, istituito nel 2013 dalla Società degli Archeologi Medievisti Italiani (SAMI). Un riconoscimento che premia il museo o il parco archeologico italiano che, a giudizio dei propri Soci e dei cittadini partecipanti alla votazione, rappresenta la migliore sintesi fra rigore dei contenuti scientifici ed efficacia nella comunicazione degli stessi verso il pubblico dei non specialisti.  “E’ proprio quello che sta accadendo alla Basilica di Siponto – conclude Pecorella-  che nel 2016 ha raggiunto i 100mila visitatori, grazie anche alla  suggestiva installazione in metallo, opera del giovane artista Edoardo Tresoldi”.