Italia e Roma regine del turismo religioso nel mondo

Lo dice un'indagine Bit Lab presentata in occasione di Aurea
16 Ottobre 2007
L'ingresso della Chiesa Santa Maria delle Grazie di San Giovanni Rotondo
L'ingresso della Chiesa Santa Maria delle Grazie di San Giovanni Rotondo
L'Italia si conferma destinazione religiosa preferita dai viaggiatori in cerca di esperienze più spirituali battendo anche la concorrenza di Turchia, Polonia e Grecia. E' quanto sostiene l'indagine quali-quantitativa di Klaus Davi & C., ìTra sacro e tradizione: il nuovo turismo religioso alla scoperta di spettacolari celebrazioni locali nell'Italia più autenticaî supportato da Bit, sponsor di Aurea, Borsa del Turismo Religioso e delle Aree Protette, in programma a San Giovanni Rotondo il 25 e 26 ottobre.

Secondo la ricerca che monitorando oltre 21.100 articoli e citazioni dai media di 12 Paesi e aree, cambia il modo di vivere il viaggio religioso: da una modalità più povera, ìpenitenzialeî, a una di viaggio comodo, da ìprima classeî.

Un mercato di sempre maggiore interesse, quindi: secondo la World Tourism Organization, i viaggiatori ìreligiosiî sono 300-330 milioni l'anno. Una vera e propria ìindustria turistica della fedeî che muove 18 miliardi di dollari, dei quali 4,5 generati annualmente solo dall'Italia, afferma il britannico The Travel Magazine. Roma rimane la prima destinazione religiosa in Italia, con 7 milioni di visitatori alla Basilica di San Pietro. Al secondo posto, San Giovanni Rotondo con 6 milioni di pellegrini. Seguono i santuari storici di Assisi (5,5 milioni), Loreto (4,5) e Pompei (4,2). All'estero, dopo la Terra Santa, sono soprattutto i luoghi mariani, con l'eccezione di Santiago de Compostela, ad attrarre i pellegrini: Lourdes, Fatima, Czestochowa e Medjugorje.

Secondo i più recenti dettagli delle presenze disponibili, quelli del 2003, sono gli spagnoli a fare la parte del leone nei viaggi religiosi verso il nostro Paese, con 24,7 milioni di presenze. Seguono i francesi con 21,5 milioni e i tedeschi con 14,6. Al quarto posto, più distanziati, gli Stati Uniti con 6,3 milioni di presenze. I primi 10 paesi totalizzano 84 milioni di presenze. In Italia rappresentano il 5-6% sul totale del movimento turistico.

(tratto da www.travelnostop.com)

Clicca qui per saperne di più sulla manifestazione.
La Redazione