Senza fondi per riparare i danni dell’alluvione

Richiesta dalla giunta comunale di Mattinata la ”dichiarazione di stato di emergenza”

Dopo il nubifragio che ha colpito Mattinata e l’intero Gargano dal 28 agosto al 7 settembre scorsi si contano i danni alle infrastrutture ed alle strutture turistiche, commerciali e residenziali. A Mattinata sono stati registrati diversi danni a carico di strade, coltivazioni agricole, muri di contenimento. Si è resa necessaria perciò la richiesta da parte della giunta comunale della “dichiarazione di stato di emergenza” con l’approvazione di una apposita delibera.

«Per far fronte a detta situazione di calamità il Comune dovrà sostenere sin da subito, ingenti spese che non possono prescindere dall’intervento di aiuti statali e regionali mediante la dichiarazione di calamità naturale». Nella delibera approvata nei giorni scorsi dalla giunta guidata dal sindaco Michele Prencipe si sottolinea che «si tratta di un evento eccezionale che non può essere affrontato con mezzi ordinari» e che sono necessari pertanto «interventi di emergenza sia per evitare situazioni di maggiore pericolo o di maggiori danni a persone o a cose, sia per favorire il ritorno alle normali condizioni di vita nelle aree colpite».

Le forti correnti, con portata molto rilevante, hanno provocato lo scalzamento e l’abbattimento di numerosi tratti di muro a secco e di muri di contenimento, il dilavamento progressivo e diffuso di terreno vegetale, l’asportazione di bitume e altro materiale inerte di copertura dalle strade comunali e l’interrimento di cunette e canali di scolo posti a difesa della viabilità e delle superficie agricole, con alterazione della funzionalità idraulica di essi. Negli alvei dei torrenti, invece, la corrente ha dato origine a fenomeni di trasporto di materiale solido il quale, accumulandosi nei punti di maggiore restringimento dei canali, ha provocato l’ostruzione parziale e, in alcuni tratti, totale degli stessi.Il regime idraulico dei torrenti risulta, pertanto, limitato e in certi casi compromesso, richiedendo cosi un intervento urgente di pulizia al fine di ripristinarne la normale funzionalità.

Le zone maggiormente colpite risultano essere: la piana di Mattinata, Ombratico, Trimititi, Tor di Lupo, Mattinatella, Baia dei Mergoli, Vignanotica. Visti gli ingenti danni, la giunta ha deciso pertanto di richiedere alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Regione Puglia l’assegnazione di adeguate risorse finanziarie per fronteggiare le spese correlate agli eventi alluvionali da sostenere da parte del Comune di Mattinata.

Guarda le foto dell’alluvione

  • Fonte: Francesco Bisceglia
    Gazzetta del Mezzogiorno
Cerca

Dicembre 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Gennaio 2022

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta