E’ scomparsa la professoressa Maria Basso, un simbolo che ha segnato una lunga epoca nella comunità di Mattinata

Una forte e colta personalità che ha guardato oltre lasciando un patrimonio di idee che i suoi tanti studenti sapranno perpetuare ed arricchire

La preside Maria Basso. (Foto: Giovanni Notarangelo, pagina Facebook "Mattinata ieri")

Per tutti Donna Maria, per gli studenti la preparatissima e meticolosissima insegnante di lettere, per i docenti la rigorosa preside e per l’intera comunità la donna che con la sua raffinata eleganza ed il suo viso simbolo della bellezza ha segnato una lunga epoca nella comunità di Mattinata.

Oggi che, alla veneranda età di 96 anni è scomparsa la professoressa Maria Basso, un sentimento di diffuso cordoglio si impadronisce di tutti coloro che l’hanno conosciuta.

Il suo carattere schietto e diretto e le sue parole sempre nel segno della proverbiale correttezza linguistica sono stati gli strumenti che più di altri ha saputo usare per irrobustire la sua personalità.

Non è stata la donna che indisturbata si è ritagliato un suo angolo per porsi al di fuori della comunità; anzi ha avuto il coraggio di prendere posizione e di inserirsi costantemente nel dibattito pubblico perché in lei era innato il senso civico della partecipazione democratica.

Non faceva sconti, né era solita accontentarsi delle risposte a buon mercato.

La sua è stata un’esistenza feconda e vivificante che ha attraversato molte generazioni, cui sapeva inculcare il valore dell’istruzione nella consapevolezza che soltanto la forza trainante della cultura avrebbe reso la società più libera.

Certamente come tutte le personalità forti, la compianta Maria riusciva ad indicare i percorsi più consoni sopratutto riguardo al futuro delle nuove generazioni, ma nel contempo le sue idee sono state anche divisive tanto da provocare sofferenze. Tuttavia, è proprio questo atteggiamento libero che attraeva una vasta schiera di studenti, rimasti fedeli e leali dopo oltre mezzo secolo e ritrovatisi nella cerimonia per festeggiare il suo novantesimo genetliaco.

Maria Basso non è passata inosservata perché ha svolto il suo impegno di insegnante con responsabilità e lodevoli capacità, inserendosi pienamente nella comunità per diventarne parte integrante.

Ogni studente ricorda quel periodo poiché non era solita accontentarsi dell’ordinario.

Pretendeva ed otteneva da ognuno il meglio perché sapeva riconoscere i talenti anche quando erano nascosti e quasi mai nessuno se ne accorgeva.

In ciò è stata una insegnante moderna che con caparbietà riusciva a valorizzare ogni studente che non necessariamente avrebbe dovuto continuare il percorso scolastico.

Aveva il senso della vita, ispirato dalla sua fede in Cristo che salva e come tale nutriva una feconda e generosa vicinanza alla Parrocchia Santa Maria della Luce.

È stata dunque una illustre cittadina che non si fatta condizionare dalle mode cangianti, ma ha cercato di contribuire ad accompagnare i cambiamenti della comunità.

Per questo è stata protagonista del costume e non ne faceva mistero perché donna libera e capace di contagiare con la sua testimonianza.

Una forte e colta personalità che ha guardato oltre e che non ha lasciato soltanto il suo inconfondibile profumo, ma un vasto patrimonio di idee che i suoi tanti studenti sapranno perpetuare ed arricchire.

Grazie, cara Donna Maria!

 

Michele di Bari, Mattinata 16 settembre 2021

Cerca

Ottobre 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Novembre 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta