Referendum 2009

Domenica 21 e lunedì 22 giugno gli italiani tornano alle urne per votare i tre referendum popolari abrogativi

Domenica 21 e lunedì 22 giugno 2009 gli elettori sono chiamati alle urne per esprimere il proprio voto sull’abrogazione di tre punti della legge elettorale. I seggi saranno aperti dalle ore 8.00 alle 22.00 di domenica e dalle ore 7.00 alle 15.00 di lunedì. Le operazioni di scrutinio avranno inizio nella stessa giornata di lunedì.

Per votare è necessario presentare la tessera elettorale e un documento d’identità. Sulla tessera è indicato il numero e l’indirizzo del seggio presso il quale votare. Chi l’avesse smarrita o non l’avesse ricevuta, la può richiedere, anche durante gli orari di apertura dei seggi, presso l’ufficio elettorale in Corso Matino, 68 – Mattinata.

Quesiti Referendari

Referendum popolare n. 1 (Scheda di colore viola)
Elezione della Camera dei deputati – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste” (ovvero: premio di maggioranza per la lista più votata alla Camera).

Se vince il SI il premio di maggioranza verrà attribuito alla singola lista che avrà raggiunto il maggior numero di seggi e non più alla coalizione di liste. Inoltre, abrogando la norma sulle coalizioni verrebbero anche innalzate le soglie di sbarramento. Per ottenere rappresentanza parlamentare, cioè, le liste debbono comunque raggiungere un consenso del 4 % alla Camera. Se vince il NO si lascia invariata la legge attuale.

 

Referendum popolare n. 2 (Scheda di colore beige)
Elezione del Senato della Repubblica – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste” (ovvero: premio di maggioranza per la lista più votata al Senato).

Come per il primo quesito, ma rivolto stavolta al Senato: se vince il SI il premio di maggioranza verrà attribuito alla singola lista che avrà raggiunto il maggior numero di seggi e non più alla coalizione di liste. Inoltre, abrogando la norma sulle coalizioni verrebbero anche innalzate le soglie di sbarramento. Per ottenere rappresentanza parlamentare, cioè, le liste debbono comunque raggiungere un consenso del 8 % al Senato. Se vince il NO si lascia invariata la legge attuale.

Referendum popolare n. 3 (Scheda di colore verde chiaro)
Elezione della Camera dei Deputati – Abrogazione della possibilità per uno stesso candidato di presentare la propria candidatura in più di una circoscrizione” (ovvero: cancellare la possibilità per il candidato eletto in più circoscrizioni di optare per uno dei seggi ottenuti consentendo ai primi dei non eletti di subentrargli). Abrogazione delle candidature multiple.

Se vince il Sì, si vieta a qualsiasi candidato di candidarsi in più di una circoscrizione e si obbliga ognuno a scegliere in quale collegio/sezione elettorale candidarsi (vale sia per la Camera che per il Senato). Se vince il No si lascia invariata la legge attuale.

 

Cerca

Maggio 2024

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Giugno 2024

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta

Compare experiences

Confronta