Puglia in zona rossa: le anticipazioni sulla nuova ordinanza del ministro. Da lunedì 15 si chiude

Lopalco: “La situazione è peggiorata”

«Da lunedì 9 Regioni e province autonome passano in zona rossa: Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e la Provincia autonoma di Trento. Queste si aggiungono a Campania e Molise che restano in zona rossa. Tutte le altre Regioni saranno in area arancione per gli effetti del decreto legge approvato stamane. È in corso una verifica sui dati della Basilicata».

È quanto si apprende da fonti del ministero della Salute sulle nuove ordinanze che il ministro Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà e che andranno in vigore a partire da lunedì 15 marzo.

Cosa cambia con la zona rossa:

– SPOSTAMENTI:
In zona rossa è vietato uscire di casa se non per comprovati motivi di “lavoro, salute o necessità” da autocertificare, volta per volta, con l’apposito modulo. Niente spostamenti, dunque, anche all’interno del Comune e vietato spostarsi fuori regione se non per i soliti comprovati motivi, mentre resta sempre consentito il ritorno alla residenza, domicilio o abitazione.

– VISITE AMICI O PARENTI:
No alle visite a parenti e amici anche all’interno del Comune, nemmeno una sola volta al giorno e nemmeno entro il limite di due persone alla volta. L’eccezione però, in questo caso, riguarda la Pasqua, quando (3, 4 e 5 aprile) la visita sarà possibile una volta al giorno all’interno della regione di appartenenza, dando così modo alle famiglie di ricongiungersi per le Feste.

– BAR E RISTORANTI:
Bar e ristoranti restano chiusi, ma restano possibili l’asporto (fino alle 22 per le attività ristorative e fino alle 18 per i bar) e le consegne di cibo a domicilio, con l’ovvia conferma del coprifuoco totale dalle 22 alle 5.

– NEGOZI:
Le serrande dei negozi restano abbassate (aperte solo le farmacie e i punti vendita essenziali, come i tabaccai, le edicole e gli alimentari).

– SCUOLA:
In zona rossa chiuse le scuole di ogni ordine e grado, anche i Nidi e le Materne. Quindi didattica a distanza al 100%.

– SPESA:
La Faq del Governo recitano: “Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti. Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati”.

Cerca

Settembre 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30

Ottobre 2021

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta