“La piovosità in Capitanata”, quando gli eventi meteorologici venivano trascritti in un diario giorno per giorno

All’inizio del 1800 un foggiano, Carlo Maria Villani, iniziò a trascrivere in un diario “ciò che accade nella città di Foggia”, diario continuato poi dai suoi famigliari per circa un secolo e che divenne in seguito “Il Giornale Patrio”

"Il Giornale Patrio" - Claudio Grenzi Editore

Ormai è a tutti noto che in Italia, e non solo, le stagioni sono cambiate: purtroppo anche in autunno e d’inverno piove pochissimo, per non parlare della neve sulle nostre Alpi.

Soprattutto in alta Italia, Piemonte, Lombardia, Veneto, ecc. la situazione dei nostri fiumi, a iniziare dal più grande il Po, e i laghi, piccoli o grandi, sembrano andare verso il prosciugamento.

La situazione appare ormai drammatica, anche per non aver provveduto a rendere più efficiente la rete idrica nazionale: molta acqua va perduta, un po’ in tutte le Regioni.

La nostra Regione Puglia già nel nome indica una terra con poca acqua, se ne accorsero subito i Romani quando, dopo la sconfitta militare di Taranto, la occuparono e la definirono subito terra “a-pulvus”, appunto “terra senza pioggia”. Ma lo sapevano anche i nostri più antichi antenati e prima dei Romani, i “Dauni” che popolavano la parte settentrionale della Puglia, compreso il Promontorio del Gargano.

All’inizio del 1800 un foggiano, Carlo Maria Villani, iniziò a trascrivere in un diario “ciò che accade nella città di Foggia”, diario continuato poi dai suoi famigliari per circa un secolo e che divenne in seguito “Il Giornale Patrio”.

Carlo Maria Villani, a parte la puntuale trascrizione dei vari avvenimenti vissuti a Foggia, giorno per giorno, mese per mese e per anni, trascriveva anche i vari avvenimenti meteorologici. Praticamente annotava di volta in volta, da gennaio a dicembre, la pioggia caduta, o la neve, ma anche i giorni di siccità.

Naturalmente le note e i dati meteorologici non sono riportati tutti i giorni, ma quando trascriveva un avvenimento importante, esempio le grandi feste religiose o l’arrivo dei Reali borbonici, all’inizio della nota di giornata indicava appunto il clima, esempio: mese Gennaro 1 detto. Giovedì. Tempo rigido e piovoso”, oppure “12 detto. Lunedì Bella giornata”, o “piove”, “nuvoloso”, “neve”, ma anche “siccità”, ecc.

Ho letto i 3 Volumi del “Giornale Patrio” e dal 1800 al 1840 si evince chiaramente la scarsa piovosità della Capitanata, anche se allora in tutta l’Europa, e non colo, non esistevano i gravi problemi meteo di oggi: il buco nell’ozono”, ‘l’inquinamento” causa l’industrializzazione massiva dei Paesi più sviluppati, ecc.

Ma in verità già nel Settecento, quando iniziò soprattutto in Inghilterra l’industrializzazione, qualcuno espresse dubbi e timori per il conseguente inizio anche dì un certo inquinamento dell’ambiente. Solo nel tempo ha avuto ragione!

Non solo in Italia piove e nevica ormai poco rispetto agli anni passati, ma anche i due Poli, Nord e Sud, vedono ridurre sempre più gli eterni ghiacciai!

L’Umanità è certamente a un bivio: occorre assolutamente non più accelerare lo sviluppo per una vita sempre più comoda ma a estremo danno dell’ambiente naturale e soprattutto per le generazioni che verranno!

Come la sintesi del “Giornale Patrio” (B) dimostra, la piovosità, almeno della Capitanata, era scarsa già da secoli addietro, anche se un po’ più di oggi!

In estrema sintesi: dal 1801 – 1810 (Volume 1°) in 688 giorni ha piovuto solo 31 giorni; dal 1817 – 1830 ( Volume 2°) in 1192 giorni ha piovuto solo 195 giorni; dal 1831 – 1840 ( Volume 3°) in 1444 giorni ha piovuto solo 329 giorni.

Nota (1). I Villani: una famiglia forse originaria di Nocera dei Pagani presente a Foggia fin dal XVII secolo, i vari componenti furono tutti elettori dell’Università di Foggia (leggi del Comune), qualcuno anche “mostro giurato”. Ebbero quindi posizione di rilievo nella città di Foggia, distinguendosi in diversi campi: Carlo Maria Villani, ad esempio, il 1808 era tenente della Guardia Civica e lui iniziò il “Giornale Patrio”.

Bibliografia: Carlo Maria Villani, “Il Giornale Patrio”, Vol. I (1801-1810) – Vol. II (1817-1830) – Vol III (1831-1840). A cura di Pasquale di Cicco, Claudio Grenzi Editore (Fg) – 2006.

Per info: “Il Giornale Patrio”, Claudio Grenzi Editore

Luigi Gatta
Cerca

Ottobre 2023

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Novembre 2023

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali
Cerca

Ottobre 2023

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
0 Guests

Compare listings

Confronta

Compare experiences

Confronta