Approvato il progetto per la rete fognaria

Il progetto per un importo complessivo di oltre due milioni di euro venne approvato dal Comune nel 2000

Predisposto e approvato il progetto necessario per la definizione della rete fognaria nella piana. La Giunta comunale ha dato l’ok al progetto esecutivo relativo ai lavori di completamento e adeguamento della rete fognaria a servizio del turismo e dei mattinatesi che nella piana ci abitano. Sono previste, nel progetto dell’Ufficio tecnico comunale, la realizzazione di due stazioni di sollevamento e la fornitura e posa in opera di quattordici elettropompe, due per ognuno dei sette impianti di sollevamento sulla spiaggia.

La spesa prevista è di circa duecentomila euro, che è finanziata in parte da residuo attivo e devoluzione i mutui ed in parte dal bilancio comunale. “Nei prossimi mesi partiranno i lavori di completamento di tutti i tronchi fognari e la possibilità di allacciamento per le strutture residenziali e commerciali, risolvendo finalmente quel gravissimo problema della qualità dell’acqua di balneazione”, ha sottolineato il sindaco Lucio Roberto Prencipe. Con i lavori che presto saranno appaltati dall’Ufficio tecnico comunale arriverà così a conclusione un iter iniziato alla fine degli anni 90’. Il progetto per un importo complessivo di oltre due milioni di euro venne approvato dal Comune nel 2000. Nel 2001, a seguito di procedimento di gara, l’appalto dei lavori in oggetto venne aggiudicato all’impresa “Strigari” di Napoli. Seguì una variante al progetto nel 2003.

Nel 2007 il responsabile del procedimento prese atto dei numerosi solleciti ed incontri promossi dall’Amministrazione. Fu chiesto al Direttore dei lavori una relazione particolareggiata sull’andamento dei lavori, valutando se il comportamento tenuto dall’appaltatore potesse costituire presupposto per la risoluzione del contratto. Il Direttore dei lavori, prof. Vincenzo Rosiello, sempre nel 2007 comunicò di aver valutato il comportamento negligente dell’appaltatore, constatando l’esistenza dei presupposti per la risoluzione del contratto. Vano fu ogni tentativo esperito dalla direzione dei lavori e dal responsabile del procedimento affinché l’impresa ottemperasse ai propri obblighi contrattuali.

Così nel 2008 il Comune di Mattinata procedette, per grave inadempimento contrattuale e grave ritardo nell’esecuzione dei lavori, alla risoluzione contrattuale dell’appalto. Ora, finalmente, con l’approvazione del progetto di completamento ed il prossimo appalto, si è arrivati alla conclusione.

 


  • Francesco Bisceglia
Cerca

Maggio 2022

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Giugno 2022

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
0 Adulti
0 Bambini
Animali

Compare listings

Confronta