I racconti dei nonni

Matinèt e cume na tine: quedd che ci fè la sere ci sepe la matine. Mattinata è come una bacinella: quello che si fa la sera si sa la mattina
I racconti dei nonni

I DUI CUMBERE

Stèvene dui cumbère, une ricch e l’àlet povr. U ricch mmitè lu povr e li fece nu pranz sulenn.
U povr dis alla migghjere: "Mo amma mmitè lu cumbere, pere bbrutt a nni mmitarl. Ma che l’hamma dè? S’chitt nu murs nzalète tinìme nda l’urt!"
Frattand mmitè u cumbère ricch e li priparè na bbella nzalatell tenera tenera plu cundimend di n’acìte spicièle che tineve stipete. Diss u ricch: “Cumbè, veramend quess anzalete ti epre u stòmeche!”.
“Cumbè! - diss u povr - Quess tlu epre e qquess tlu serr!”.

Traduzione...

I DUE COMPARI

C'erano due compari, uno ricco e l'altro povero. Il ricco invito il povero e gli fece un solenne pranzo.
Il povero disse alla moglie: "Ora dobbiamo invitare il compare, non sarebbe carino non inviatarlo. Ma cosa possiamo fargli mangiare!? Abbiamo solo un pò dinsalata nell'orto!"
Nel frattempo invitò il compare ricco e gli preparò una bel piatto di insalata tenera condita di un aceto speciale che aveva in serbo.
Disse il ricco: "Compare, davvero questa insalata apre lo stomaco!".
"Compare! - disse il povero - Questa te lo apre e questa te lo chiude!".

U PISCATORE E LA SPINE DI PESC

Nu iurn a nnu piscatore ci ficchè ndlu dite na spine di pesc. Chiamè u dottore e ccuss mmece di tirè la spine la curève pla simend di line e pi ttanda mbiastr.
Lu piscatore ogni iurn li purtève a rialè lu megghje pesce.
L’affère durè pi parecchie timb, e lu dite nin uareve mè. Nu iurn u piscatore scì da lu dottore, ma nun lu truè: stève pìro u figgje, ch’ere pure mìdeche. Cuss assirvè u dite malete e vedd ca stève ficchète na spine: pigghjè na pinzett e ci la tirè. Quann venn u patr li diss: ”Papà, sugnurie acurète pi ttanda timb u piscatore, e nin ti si addunete ca tineve na spine di pesce: ije ci l’eje tirete pi nna pinzett, e mmo vite ca subbete uarisce”.
”Pizz di chiàseme - diss lu patr - l’ha tirate la spine, e mmo nin ti mange cchiù lu pesce fris’che!”.

Traduzione...

IL PESCATORE E LA SPINA DI PESCE

Un giorno ad un pescatore si conficcò una spina di pesce nel dito. Chiamò il dottore, e questi invece di tirargliela, la curò con sementa di lino e con tanti altri miscugli.
Il pescatore ogni giorno gli portava in dono il miglior pesce.
L'affare andò avanti per parecchio tempo, e il dito non guariva mai. Un giorno il pescatore andò dal dottore, ma non lo trovò: c'era però il figlio, che era anche medico. Questi osservò il dito malato e vide che c'era una spina: prese una pinzetta e la tirò via. Quando il padre rientrò gli disse: "Papà, hai curato per tanto tempo il pescatore, e non ti sei accorto che aveva una spina di pesce: io gliel' ho tirata con una pinzetta, e ora vedrai che subito guarirà!".
"Fesso - disse il padre - gli hai tirato la spina e ora non mangerai più pesce fresco!".

PROVERBI

- A cìcere a cìcere ci enghie la pignète.
Cece dopo cece si riempi la pignata.

- Addòve ci stann tanta iadd nin fè mè iurn.
Dove ci sono tanti galli non fa mai giorno.

- Attacch u ciucce addove vòle u patrone.
Attacca l'asino dove vuole il padrone.

- Amici pi ttutt e fidele pi nniscune.
Amico con tutti e fedele con nessuno.

- Chi bell vòle parì l’uss l’adda dulì.
Chi bello vuole apparire l'osso gli deve far male.

- Chi ci pigghie mbicci di l’àlete rest mbiccète.
Chi si impiccia negli affari degli altri resta impicciato.

- Chi disprezza combre.
Chi disprezza compra.

- Chi lass la via vecchie e pije la nòve sèpe che llass e nin zèpe che tròve.
Chi lascia la strada vecchia e prende la nuova sa cosa lascia e non sa cosa trova.

- Chi ci mène a spart ève la megghie part.
Chi si butta a spartire ha la miglior parte.

- Dalla disgrazie dlu ricch camb u povere.
Delle disgrazie del ricco campa il povero.

- Fa bbene e scurd, fa mèle e pinz.
Fai del bene e scorda, fai del male e pensa.

- Lu sazie nin grede a lu disciùne.
Il sazio non crede al digiuno.

- Mamm e figghje ci càpene ndna buttigje, nòre e sorie nin gi càpene ndli linzòle.
Mamma e figlia ci starebbero in una bottiglia, nuora e suocera non ci starebbero nelle lenzuola.

- Matinèt e cume na tine: quedd che ci fè la sere ci sepe la matine.
Mattinata è come una bacinella: quello che si fa la sera si sa la mattina.