Il Comune adottera' un impianto di videosorveglianza urbana integrata

La spesa complessiva dell’intervento ammonta a 70 mila euro
8 Dicembre 2019
Videosorveglianza
Videosorveglianza

Sarà il Comune a dotarsi autonomamente di un impianto di videosorveglianza urbana integrata, senza spettare l’attesa concessione del finanziamento da parte della Regione Puglia.

Con delibera della Commissione Straordinaria con poteri di Giunta Comunale di gennaio scorso era stato deciso di avviare tutti gli atti e studi necessari per poter accedere ai contributi statali e regionali finalizzati alla realizzazione di un impianto di videosorveglianza per contrastare fenomeni di criminalità diffusa insistenti nell’area urbana. Ed era stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica, trasmesso alla Regione a febbraio. Poiché “a tutt’oggi, la Regione Puglia non ha ancora concluso la procedura di selezione per la concessione del finanziamento” e considerato che l’installazione di un sistema di videosorveglianza rappresenta, continua la commissione straordinaria, “una importante e necessaria misura atta a garantire il controllo del territorio ed un idoneo strumento per arginare fenomeni trasgressivi e di violazioni alle norme di sicurezza urbana, nonché un idoneo strumento per arginare eventi criminosi che colpiscono gli operatori economici ed i cittadini” e che, ancora, la località garganica “in tema di sicurezza, presenta diversi problemi di criminalità diffusa, atti di vandalismo e fenomeni di inciviltà nel territorio, nonché reati più gravi e, pertanto, emerge un fabbisogno di sicurezza tangibile e reale”, si è deciso di “dotarsi di un sistema di videosorveglianza da finanziarsi con le risorse rivenienti dal bilancio comunale 2019, nelle more della conclusione della procedura di selezione per la concessione del finanziamento da parte della Regionale Puglia”.

La spesa complessiva dell’intervento ammonta a 70 mila euro, che saranno prelevati dal capitolo del bilancio comunale destinato a “Interventi per spesa di investimento”, finanziato mediante l’utilizzo dei contributi assegnati a Mattinata quale Comune sciolto per mafia”. Quindi la commissione straordinaria ha assegnato, quale atto di indirizzo, al comandante della Polizia Locale Michele Mumolo l’obiettivo di predisporre gli atti per la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza urbana integrata mediante l’installazione di telecamere nei punti nevralgici del territorio comunale.

Francesco Bisceglia