Leonardo Trotta presenta ''Le nostre radici'', il libro che vuole conservare la memoria delle nostre generazioni passate

2.300 cognomi e 40.000 nomi di Monte Sant'Angelo e Mattinata dal 1600 al 1911
19 Settembre 2019
Le nostre radici, il libro di Leonardo Trotta
Le nostre radici, il libro di Leonardo Trotta

Anche a Mattinata nell’edicola  di Filippo MANTUANO è in vendita un testo molto interessante su “Le nostre radici”. L’Autore è Leonardo Trotta, oggi pensionato delle Poste Italiane, in servizio aveva funzioni tecniche  per la sicurezza.

Anche Leonardo Trotta è stato da sempre interessato alla nostra Storia locale, ha voluto, quindi, dare un suo contributo soprattutto per la ricerca nel tempo dei   nostri Avi, almeno a partire dal 1600.

Certamente non è stato un impegno facile, ma conoscendo la sua determinazione alla fine ha potuto pubblicare un testo prezioso di ben 573 pagine!

Trotta ha dovuto ricercare i nostri Avi analizzando ben 8 generazioni, pari a 256 Avi di ogni famiglia di Monte Sant’Angelo e Mattinata, considerando i 4 nonni di ogni 2 genitori, e poi 8 bisnonni fino ai trisavoli.

Logicamente il filo genealogico riguarda solo il “padre” di una famiglia, a partire dal 1898 del XIX secolo e fino al 1812, cercando il ramo paterno indietro nel tempo, soprattutto con i registri dello “Stato Civile”.

Dal 1811 al 1600 le uniche fonti sono quelle religiose: gli “Stati delle Anime” e i preziosi “Registri parrocchiali” per  i battesimi, matrimoni e morti, in genere manoscritti illeggibili e spesso con molte abbreviazioni. I “Registri parrocchiali” furono istituiti durante la XXV Sessione del Concilio di Trento (1545-1563).

Opportunamente Trotta riporta tutti gli elenchi dei cognomi in ordine alfabetico dal 1600 al 1811, elementi importanti sono la provenienza, la permanenza a Monte Sant’Angelo e Mattinata, così come le variazioni che subiscono i cognomi nel tempo.

L’Autore precisa che la data di nascita nei i primi Registri Parrocchiali corrisponde a quella del battesimo.

Il cognome “Esposto” ha come  origine i piccoli “esposti” lasciati da ignoti, per diversi motivi, nella cosiddetta “Rotella” dei conventi o delle chiese. Ecco perché ancora il 1911 il 10% dei nostri cognomi aveva una origine ignota. Poi, il figlio che nasceva eventualmente dopo la morte del padre in genere era battezzato con lo stesso nome del padre.

Alcuni cognomi di Monte Sant’Angelo, e Mattinata, ricordano i numerosi pellegrini arrivati  nei secoli passati in pellegrinaggio alla Sacra Grotta, ora Basilica di San Michele, e poi rimasti sulla “Montagna dell’Angelo”, a partire dai Longobardi e dai Normanni. Ma vi sarà poi nel tempo un continuo pellegrinaggio anche dalle varie Regioni italiane e da altri Stati europei, ed ecco come si spiegano i vari cognomi “Bisceglia”, “Campanile”, Di Padova, ecc.

Questi i “Registri” consultati faticosamente dall’Autore Trotta: quelli “Parrocchiali” di Monte Sant’Angelo, gli “Stati civili” di Monte S.A. e Mattinata, lo “Stato delle Anime” del 1743 e quello del 1767 compilato per Mattinata da Don Antonio Gelmini, e i capi famiglia di Mattinata del Censimento nazionale del 1901.

Di alcune famiglie importanti come gli Amicarelli, i Fantetti, i Giordano,ecc. sono riportati i vari rami di discendenza. Ma cosa sono in particolare gli “Stati delle Anime”? Un elenco anagrafico dei parrocchiani di un Comune o frazione, istituiti il 1614 da Papa Polo V per fini esclusivamente pastorali: il controllo accurato dell’osservanza dei sacramenti da parte dei fedeli. Oggi gli “Stati” rappresentano una fonte inestimabile di valore storico per le notizie anagrafiche, e non solo, che riportano. Quanto allo “Stato” citato del 1767 Don Gelmini dovette visitare, in genere nel periodo pasquale, tutte le “Torri” numerate delle varie contrade di Mattinata. Anche questi Cognomi sono riportati in ordine alfabetico.

Infine per la ricerca dei nostri Avi giustamente l’Autore Trotta dice che è molto importante continuare la tradizione di dare ai primi nati i nomi dei nonni paterni e materni e non ricorrere ai nomi che ricordano i capi di certe ideologie!

Il testo di Leonardo Trotta non dovrebbe mancare nella libreria di chi a Monte S.A. e Mattinata vuole conservare la memoria delle nostre generazioni passate.

Per un tale impegno personale dell’Autore ed editoriale il costo di 25 Euro vale bene l’amore verso i nostri Avi. Inviare a ( e-mail: leotrotta44@gmail.com). 

Luigi Gatta