Decise modifiche all'isola pedonale sperimentale

I tre commissari governativi hanno approvato una nuova delibera
9 Dicembre 2018

L’area pedonale sul corso Matino partirà come previsto il 17 dicembre. Ma il Comune ha stabilito di modificarne le modalità di attuazione. Sono state infatti prese in considerazione le osservazioni di singoli cittadini che avevano evidenziato, pur apprezzando in sé l’idea della pedonalizzazione, le conseguenze sul traffico che inevitabilmente si va a riversare nelle stradine contigue all’area chiusa al traffico. Anche le aziende commerciali situate nell’area pedonale, rappresentate dalla Confcommercio di Foggia e della Delegazione di Mattinata, avevano fatto presente le loro forti perplessità in merito alla decisione. Così i tre commissari governativi hanno approvato una nuova delibera.

Corso Matino

“Vista la propria precedente delibera n. 118 in data 29 novembre 2018 con la quale è stata istituita, in via sperimentale, l'area pedonale, con divieto di transito e di sosta con rimozione coatta, lungo Corso Matino, tratto compreso tra via Cesare Battisti e via Martiri di via Fani, per il periodo dal 17 dicembre 2018 al 13 gennaio 2019” e osservato che “gli elementi di valutazione che si ritiene di acquisire attraverso la sperimentazione possono emergere anche da una limitazione temporale dell'Area Pedonale a due fasce orarie, una antimeridiana, ed una pomeridiana”, i commissari hanno ritenuto di apportare modifiche a quanto deciso in precedenza. 

Le fasce orarie ora sono state individuate tra le ore 10.30 e le ore 13.30, nonché fra le ore 17.00 e le ore 23.00 di ciascun giorno feriale e festivo. Di conseguenza la chiusura alla circolazione dei veicoli a motore  lungo corso Matino, nel tratto compreso tra via Cesare Battisti e via Martiri di via Fani, verrà attuata in via sperimentale in ogni giorno, per il periodo dal 17 dicembre 2018 al 13 gennaio 2019, dalle ore 10.30 alle ore 13.30, e dalle ore 17.00 alle ore 23.00.

L’esperimento, aveva sottolineato la commissione straordinaria, si giustifica perché l’area pedonale contribuisce “ad aumentare la visibilità degli ambiti urbani e la qualità di vita dei cittadini; alla riduzione dei livelli di inquinamento ambientale; alla riduzione dei livelli di congestione e, più in generale, alla riduzione dell’uso del mezzo privato per gli spostamenti brevi; ad innalzare i livelli di sicurezza stradale; ad offrire spazi sicuri per iniziative sociali, attività commerciali e nuovi centri di aggregazione”. In particolare si osservava che “Corso Matino, specie nel tratto da via Battisti all'edificio comunale, si presenta particolarmente angusto e con marciapiedi notevolmente stretti che costringono i pedoni ad invadere la sede stradale”.

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno