Il gruppo consiliare del Partito democratico interviene sui lavori per la realizzazione di una casa alloggio per anziani

“L’impegno della precedente Amministrazione man mano arriva a compimento”
29 Ottobre 2016
Il Poliambulatorio e la Casa Allogio per Anziani
Il Poliambulatorio e la Casa Allogio per Anziani

Sui lavori per la realizzazione di una casa alloggio per anziani, partiti da qualche giorno nella località garganica, interviene il  gruppo consiliare del Partito democratico composto da Lucio Roberto Prencipe, Raffele Prencipe e Rosa Pia Ciccone. “Per la realizzazione dell’intervento, che prevede 22 posti letto, la precedente Amministrazione comunale con nota prot. n. 8846 dell’1 settembre 2011 chiedeva la disponibilità all’ASL FG di cedere in comodato gratuito al Comune di Mattinata il primo piano della palazzina ospitante i servizi sanitari”, si evidenzia in un comunicato pubblico diffuso dal gruppo.

“In data 22 ottobre 2012, in occasione dell’inaugurazione del poliambulatorio alla presenza del ministro della salute prof. Renato Balduzzi, l’ex sindaco Lucio Roberto Prencipe annunciava l’intenzione dell’Amministrazione comunale di realizzare al primo piano della palazzina una casa alloggio per anziani; la Regione Puglia con nota del 13 maggio 2013 comunicava l’approvazione del progetto e la concessione del finanziamento di 1 milione 250 mila euro; al momento dell’interruzione della precedente amministrazione (11 febbraio 2014) si era in attesa di sottoscrivere il disciplinare regolante i rapporti tra la Regione e il Comune e quindi avviare le procedure di appalto; in data 30 gennaio 2015, l’attuale sindaco è stato convocato in Regione per la sottoscrizione del disciplinare per la realizzazione dell’opera, nei giorni scorsi sono partiti i lavori”.

Per  i tre consiglierei comunali, quindi, “l’impegno della precedente Amministrazione man mano arriva a compimento”. Da qui la loro “soddisfazione per la realizzazione di quest’opera che rende uno straordinario servizio agli anziani della nostra comunità”. I lavori dovrebbero avere una durata di 202 giorni. Il progetto prevede la realizzazione di una struttura residenziale a prevalente accoglienza alberghiera, a bassa intensità assistenziale, costituita da un lato da un insieme di alloggi, di piccola dimensione e varia tipologia, dotati di tutte le attrezzature e di tutti gli accessori indispensabili a consentire ai futuri utenti una vita autonoma, dall'altro da servizi collettivi destinati agli anziani autosufficienti in genere.

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno