50 anni di sacerdozio del parroco don Francesco La Torre

Un traguardo di grande rilevanza per il sacerdote mattinatese
30 Luglio 2016

Oggi sabato 30 luglio ricorre il 50.mo anniversario dell’ordinazione sacerdotale di don Francesco Paolo La Torre, parroco della chiesa abbaziale di santa Maria della Luce. Il 30 luglio 1966, infatti, nella cattedrale di Manfredonia il diacono don Francesco fu ordinato sacerdote dall’arcivescovo sipontino Andrea Cesarano. Si tratta di un traguardo di grande rilevanza  per il sacerdote mattinatese, ma anche per l’intera comunità del centro garganico, che in questi decenni ha avuto ed ha in lui un punto di sicuro riferimento spirituale in una località che ha all’attivo tanti aspetti positivi ma che non è priva di diverse criticità.

don Francesco Paolo La Torre con Mons. Michele Castoro

Sin dalla celebrazione, il 15 agosto 1966, della prima messa solenne all’allora altare dedicato alla Madonna della Luce, don Francesco Paolo La Torre ha dedicato tutta la sua vita e la sua  azione pastorale alla comunità dei fedeli mattinatesi. Prima vice parroco di don Salvatore Prencipe, con la morte di questi nel 1974 è stato nominato dall’arcivescovo Valentino Vailati arciprete parroco di Mattinata. Da allora, come è stato ben sottolineato “ha mantenuto inalterata la forza di una vocazione che ancora oggi si rivela fresca e profumata, con una perdurante attiva presenza tra i fedeli”.

In quella consacrazione del 1966, la comunità di Mattinata si riconosce per apprezzare un servizio ed un impegno che, in oltre quarant'anni, il parroco ha saputo assicurare, con doti di generosità e vicinanza ai fedeli nelle situazioni gioiose e non.

Di carattere schivo e discreto, non ha mancato di sintonizzarsi con le diverse generazioni, animando la parrocchia, che oggi conta vari gruppi ecclesiali. I parrocchiani per festeggiare l’evento gioioso del cinquantesimo anniversario di ordinazione si sono dati appuntamento alla seconda settimana di ottobre.

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno