Verde e spazi pubblici, il Pd di Mattinata attacca la maggioranza

Richiesta all’amministrazione comunale di interveniare con tempestività
28 Giugno 2016
Il quartiere Lama di Corvo
Il quartiere Lama di Corvo

“Totale stato di abbandono”. Così definisce la situazione della zona verde nel quartiere Lama di corvo il Partito democratico di Mattinata.  In una nota il partito, che da poco ha eletto direttivo e segretario, nella persona di Libera Scirpoli,  “segnala lo stato di abbandono e di totale degrado del Parco Incoronata. Innumerevoli sono stati i reclami dei genitori che abitualmente accompagnano i figli per trascorrere momenti di relax e svago”.

Si assiste, sottolinea il Pd, all’aggravarsi di questa situazione “che va degenerando,  anche con il danneggiamento delle strutture presenti attraverso atti vandalici ad opera di ignoti”. Da qui la richiesta all’amministrazione comunale di “intervenire con tempestività affinché dette aree siano fruibili”. Infatti, è la considerazione del partito, “non è possibile che opere per le quali sono state utilizzate ingenti somme pubbliche versino nel più totale stato di abbandono”: il verde pubblico “rappresenta un’occasione fondamentale per la crescita civile di una popolazione, e i ragazzi di Mattinata non meritano tale indifferenza”. Sulla stessa zona di Mattinata era intervenuto pure il gruppo consiliare Pd con una interrogazione.  “Negli scorsi anni, era stata prevista la realizzazione di nuovi servizi igienici all’interno della Zona 167”. L’attuale giunta, ricordano i consiglieri, “con propria deliberazione del novembre 2015, ha confermato la necessità di realizzare l'opera pubblica nel quartiere Lama di Corvo, affidando al funzionario responsabile del settore lavori pubblici l'obiettivo della predisposizione di tutti gli atti propedeutici alla realizzazione dei nuovi servizi igienici”. “Attesa l’assoluta necessità e urgenza di procedere alla realizzazione di nuovi servizi igienici ad uso pubblico, in grado di soddisfare le esigenze dei nostri cittadini e dei visitatori, i consiglieri chiedono al sindaco “se nel frattempo sono state affidate le risorse e quali tempi sono previsti per la realizzazione dell’opera”.

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno