Nascerà all'interno dei locali museali il ''Centro di cultura contemporanea''

Concesso dalla giunta comunale il piano seminterrato del museo civico all'associazione MAD
3 Marzo 2016
Museo Civico di Mattinata
Museo Civico di Mattinata

Concesso dalla giunta comunale il piano seminterrato del museo civico all’associazione MAD (Music Art Doing), diretta da Pasquale Arena. Il “Centro di cultura contemporanea” che  nascerà all’interno dei locali museali vuole creare un polo culturale dove si svolgeranno corsi di formazione musicale e attività didattiche inerenti alla scuola di musica (corsi di batteria, chitarra, pianoforte, basso e canto, propedeutica musicale per i più piccoli, music lab, teoria e solfeggio, armonia, ear- training), oltre a masterclass, clinics e laboratori con esperti del settore. Saranno tenute anche conferenze, convegni, dibattiti, spettacoli teatrali, mostre fotografiche e qualunque altra forma d’arte. L’area ospiterà anche una sala prove e studio di registrazione, dove avrà sede una etichetta discografica indipendente. Tra le iniziative previste sarà anche creato uno spazio di co-working; si tratta di una vera e propria project room, uno spazio a disposizione di chiunque voglia lavorare, progettare, creare, studiare, leggere anche in collaborazione con l’assessorato alle politiche sociali e giovanili.

L’associazione si impegna ad accogliere, gratuitamente, utenti indicati dai servizi sociali per corsi collettivi di musica piuttosto che per attività didattiche collettive, o qualsivoglia collaborazione affinchè, grazie a questi spazi, si possa promuovere il benessere giovanile attraverso la cultura, le idee e la creatività. L’assessorato alle politiche sociali “ritiene che la necessità di creare un polo di attrazione giovanile impegna gli amministratori, consapevoli di quanto sia urgente la nascita di un punto di riferimento artistico e culturale sul territorio per ragazzi, adolescenti e giovani, in grado di facilitare la socializzazione e la comunicazione; favorendo relazioni, offrendo la possibilità di apprendere e ampliare le proprie conoscenze. Diventa, quindi, preziosa la presenza di luoghi attrezzati all’accoglienza, all’aggregazione e alla socializzazione che offrano una valida alternativa alla strada, con la possibilità di garantire non solo svago, ma anche opportunità educative e formative”. Il comodato gratuito dei locali comunali all’associazione MAD sarà per cinque anni, rinnovabili per uguale periodo, previa adozione di delibera di giunta comunale.

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno