Il Matinum sogna e ''vede'' i play-off

In programma un doppio confronto per i rossoneri tra oggi e domenica
11 Febbraio 2016
Senza didascalia

Dopo la vittoria corsara a Lucera e il turno di riposo, il Matinum (seconda categoria) è atteso da un doppio confronto. Oggi giovedì 11 febbraio sarà in campo in trasferta (ore 15) per il recupero della gara contro il San Giovanni Rotondo (non si disputò causa neve) mentre domenica prossima 14 sarà impegnato all'Agnuli in casa contro lo Sporting Apricena, terza in classifica.

In casa rossonera è tornato l'entusiasmo, la classifica (i garganici sono a quota 17 punti dopo le 16 giornate) indica che le speranze di agganciare i playoff non sono affatto svanite, anzi...

Ma molte aspettative sono riposte nella gara odierna a San Giovanni Rotondo. Il sogno playoff è ancora in piedi -incita il presidente rossonero Michele Gentile. Ringrazio i ragazzi per la disponibilità e la ritrovata compattezza. Insieme si possono centrare gli obiettivi. La priorità va alla coppa disciplina (ndr la società è prima a livello regionale) perchè siamo convinti che i valori tipici incarnati dallo sport vanno difesi e veicolati. Anche se, e non lo vogliamo nascondere, abbiamo purtroppo riscontrato che è molto difficile mantenere la calma ed avere sempre un comportamento corretto su campi di calcio dove le intimidazioni ambientali sono spesso all'ordine del giorno. Ma ci riusciremo anche quest'anno. I ragazzi lo sanno.

Il Matinum "riparte" quindi ancora dalla Coppa disciplina (conquistata lo scorso anno). «Era il nostro obiettivo prioritario -sottolinea Gentile- e punta al bis, ma stavolta puntando anche a livello regionale. Si siamo primi. Una fissazione la sua: la cooppa disciplina non solo permette la iscrizione garantita al campionato successivo, ma fissa lo stile di una società, la quale così si fa porta bandiera di un modo di intendere lo sport in generale ed il calcio in particolare. Come? Ponendo alla base il rispetto e l'educazione, ritenuti aspetti fondamentali della formazione civica di un giovane, che si appresta ad entrare un domani nel mondo dei grandi ovvero nel tessuto civile e democratico della comunità. Lo sport quindi come viatico per una sana formazione delle generazioni di domani.

Francesco Trotta
La Gazzetta del Mezzogiorno