A Capodanno Cin Cin speciale con tuffo in mare

La temperatura rigida del primo giorno del 2016 non ha spaventato cinque ''valorosi''
3 Gennaio 2016
I mattinatesi Vincenzo Prencipe, Raffaele Latino, Cesare Trotta, Antonio Impagnatiello e padre Michele

La temperatura rigida del primo giorno del 2016 non ha spaventato cinque “valorosi” che hanno salutato l’anno nuovo con un tuffo, una bella nuotata sportiva e un brindisi augurale nel mare della località garganica.  Alle otto di ieri mattina(1 gennaio 2016), quando gli altri erano ancora a riprendersi dagli eccessi del veglione del 31 dicembre, i mattinatesi Vincenzo Prencipe, Raffaele Latino, Cesare Trotta, Antonio Impagnatiello, ai quali si è aggiunto padre Michele, sacerdote di origini indonesiane e olandesi, erano pronti per l’appuntamento sulla spiaggia grande di Mattinata. Dopo un opportuno riscaldamento sulla spiaggia di ciottoli, all’altezza della casette dei pescatori, i cinque si sono immersi nelle acque, che a loro dire “non erano calde ma neanche fredde”. Tutti, dal decano della comitiva, il sessantasettenne Vincenzo Prencipe, al più giovane, il trentaduenne Antonio Impagnatiello, per un buon quarto d’ora hanno menato le braccia a più non posso. A dimostrazione poi che il mare in effetti era abbastanza freddo (la colonnina  raggiungeva la temperatura di soli 13 gradi).

I nuotatori sono arrivati a stile libero alla testa del nuovo braccio dell’area portuale, realizzato nel 2002 nel quadro delle opere di difesa costiera e ripristino della spiaggia grande, e soddisfatti hanno fatto ritorno a riva. Alla fine della nuotata, da loro definita “salutare e appagante”, una bottiglia di spumante di qualità è stata stappata e con un cin cin fatto con i piedi ancora in acqua.  Vincenzo Prencipe, Raffaele Latino, Cesare Trotta, Antonio Impagnatiello e padre Michele hanno fatto gli auguri a tutti per un “anno che sia di serenità e pace”.  

Francesco Bisceglia
La Gazzetta del Mezzogiorno