Trace Elements e Trio Bobo in arrivo a marzo in Capitanata

Partono gli esperimenti live del MAD presso il Museo Civico di Mattinata
26 Febbraio 2015

Sarà il Museo Civico di Mattinata ad ospitare i due appuntamenti musicali di marzo più importanti della Capitanata: “Trace Elements” di Paolo Di Sabatino, con Jojo Mayer alla batteria e il concerto del Trio Bobo, organizzati dal MAD Music School.
Mentre si avvicina la masterclass del 21 febbraio con il batterista cubano Horacio El Negro Hernandez, al MAD di Mattinata è già tempo di novità con l’allestimento dei primi live concerts: una sorta di puntata zero di altissima qualità che porta la grande musica nella città bianca del Gargano.

Sabato 21 marzo, infatti, ad andare in scena sarà “Trace Elements”: il lavoro del pianista, compositore e arrangiatore jazz Paolo Di Sabatino, per l’occasione accompagnato da due musicisti di primaria grandezza: Jojo Mayer alla batteria e Christian Galvez al basso. Serge Jojo Mayer, leader dei Nerve, uno dei migliori batteristi in circolazione, è noto per mescolare elettronica, ritmi jungle, break beat e drum&bass e torna a Mattinata dopo la interessante clinic dello scorso anno.

Domenica 29 marzo, poi, nella stessa location, tocca al mitico Trio Bobo, alias Christian Meyer alla batteria, Faso al basso e Alessio Menconi alla chitarra.

Tre musicisti incredibili, tre nomi importanti, tre artisti poliedrici e brillanti in un mix di jazz, funky, rock e grande ironia. Un progetto fusion nato nel 2004 per suonare “la musica buona”, come dicono loro, un gioco, un laboratorio e insieme una via di fuga dalla musica commerciale, assai apprezzato dal pubblico, che ama i loro giochi ritmici inediti e gli appassionanti rimandi tra strumenti.

È possibile acquistare i biglietti in prevendita, sia singolarmente, che di entrambi i concerti, con un mini-abbonamento. Appuntamento, in entrambi i casi, alle ore 20.30 presso il Museo Civico di Mattinata in via Torquato Tasso.

Info e prevendite
328.32.31.537 - 347.18.55.053
e-mail: ticket@musicartdoing.com

Samantha Berardino
Ufficio Stampa Mad