A suon di tarantella gli Etnomusicantes approdano a Pisa

I giovani mattinatesi vincono il contest online
6 Luglio 2012
Etnomusicantes
Etnomusicantes

L’incalzante e coinvolgente ritmo della tarantella del Gargano arriva sino al prestigioso Folk in Progress di Pisa. I giovani e talentuosi ‘Etnomusicantes’ di Mattinata hanno sbaragliato la concorrenza del contest on line ‘Giovani band’, raccogliendo 2015 preferenze e, pertanto, saliranno sul prestigioso palco pisano il prossimo 13 luglio.

Gli Etnomusicantes, un gruppo in forte ascesa e molto apprezzato, non solo a livello locale, è composto da Lorenzo Vaira (tamburelli e voce), Francesca Bisceglia (voce), Vincenzo Trotta (fisarmonica, chitarra e mandola), Luigi Bisceglia (fisarmonica e voce), Francesca Trotta (Flauto), Sara Prencipe (chitarra), Rosa Cota e Lucia Armillotta (ballerine). Saranno proprio loro gli alfieri della tarantella del Gargano in quel di Pisa da sempre luogo di incontro di studenti provenienti da tutta Italia, fattore che ha fatto diventare la città un crocevia di culture differenti, che nella diversità si integrano e si arricchiscono reciprocamente.

Con Folk in Progress e Giovani band reinterpretano la tradizione si intende valorizzare questo aspetto. La tradizione popolare come fattore di integrazione, la musica come elemento di socialità nell’ambito della variegata comunità studentesca. Reinterpretando le tradizioni delle loro terre di provenienza, gli studenti rielaborano il rapporto con le proprie origini e ne fanno elemento di identità culturale all’interno della città universitaria. Da ciò la scelta di privilegiare la musica di tradizione come fattore caratterizzante del festival.

"Noi – spiega Vaira -, desideriamo che la nostra musica popolare diventi un collante tra la tradizione ed il futuro. Vogliamo essere custodi delle nostre tradizioni. Nonostante le difficoltà di noi giovani studenti, anche quest'anno abbiamo raggiunto un altro traguardo importante. Grazie alla fiducia riposta nel nostro gruppo e nella nostra musica, i 2015 votanti ci hanno dato la possibilità di portare e trasmettere ai pisani il ritmo contagioso della nostra Tarantella, e così anche il nostro principale obiettivo, cioè quello di esportare oltre i confini della nostra regione il nostro patrimonio musicale e canoro è stato raggiunto."

 

Fonte: La Capitanata

Foto