La voglia di cultura e tradizioni garganiche degli Etnomusicantes

Il gruppo folk di Mattinata e la mission di sentinella della tarantella
16 Luglio 2010
Etnomusicantes
Etnomusicantes

L'antico e prezioso patrimonio culturale del Gargano sopravvive grazie all'impegno di otto giovani di Mattinata che si avvalgono del connubio tradizione ed innovazione per portare avanti questo nobile intento. Loro sono gli Etnomusicantes, un gruppo folk che nasce il 6 agosto del 2007, per iniziativa di giovani amanti delle tradizioni popolari, provenienti da esperienze artistiche diverse, ma con l'intento di ricercare, tutelare e valorizzare le tradizioni popolari locali.

Sulla scorta di queste convinzioni Lorenzo Vaira (tamburello, voce e percussioni), Luigi Bisceglia (fisarmonica e voce), Francesca Bisceglia (voce), Gianni Ciuffreda (chitarra e basso) Sara Prencipe (chitarra) Vincenzo Trotta (Mandola, fisarmonica) Rosa Cota (ballerina) decidono di intraprendere questa magica avventura, prima della quale avevano intrapreso una “relazione” con la musica popolare nel gruppo folkloristico locale, ritrovandosi un giorno a raccogliere ciò che avevano seminato da piccoli.
“Questi i motivi per cui si è voluto proseguire su questa strada-spiega Vaira, il leader del gruppo- mandando avanti il lavoro di ricerca delle tradizioni musicali proprie della nostra terra, affinché non muoiano e dando la possibilità di rinsaldare il ricordo, per poi tramandarlo alle generazioni future; in modo da non dimenticare mai la propria origine e non confondere la caratteristica identità”. Passando all'aspetto tecnico, il gruppo musicale è formato da otto elementi, ai quali si aggiungono o sostituiscono altri in occasioni di manifestazioni particolari (es. coristi, ballerini, strumentisti ecc.) che per questione di impegni fuori sede non possono
partecipare assiduamente alla vita di gruppo. In quattro  anni di attività il gruppo folk "Etnomusicantes" ha orgogliosamente promosso la cultura popolare ed i canti della propria terra ai molti turisti, italiani e non, che durante i mesi estivi scelgono le  località del Gargano per soggiornarvi, riscuotendo ovunque consensi ed apprezzamenti che testimoniano, oltre alla serietà ed all'impegno costante profusi, quanto grande ed importante sia il patrimonio e l'identità culturale locali.

“Ci troviamo nella terra della tarantella e dobbiamo difendere questa tradizione-sostiene Vaira-. Non è un ballo, ma una filosofia di vita. Il ritmo della tarantella è contaggioso, ti entra nelle vene; quando lo ascolti, anche se non conosci il significato delle parole dialettali, è impossibile rimanere fermi. Non deve apparire strana questa nostra scelta di dedicarci alla musica folk, perchè essa è cosi preziosa e particolare che non ha mai imposto limiti di età, anzi è un ottimo motivo di aggregazione e di riscoperta delle proprie radici. Attraverso la musica so può promuovere, anche turisticamente, questo splendido territorio che si chiama Gargano”.

Quella degli Etnomusicantes, oltre che una passione per la musica popolare, è una vera e propria missione di custodi e sentinelle degli antichi saperi di Mattinata.
“Sin dall'inizio – sottolinea Vaira – abbiamo messo in piedi un progetto concreto per ricercare le varie canzoni locali. Infatti, muniti di registratore, ci richiamo per le piazze e per i vicoli mattinatesi per raccogliere gli stornelli della viva voce degli anziani del luogo. Una volta acquisito questo materiale, analizziamo testi e musiche e li arrangiamo”.

Tra i loro celebri e coinvolgenti canti si annoverano “La vije de la funtanella”, “Figlia figlia va  a ballare”, “Cicerenella”, “Mascja”. “Come si evince dai titoli, - aggiunge Vaira – si tratta perlopiù di di dialoghi tra mamma e figlia (per la scelta del futuro sposo) e di serenata (tornate prepotentemente di moda in questi ultimi anni). Dall'analisi dei testi emerge tutta l'identità di questa terra generosa e genuina come i suoi abitanti. Il centro dell'universo era la famiglia, mentre oggi, ahimè, in casa c'è sempre meno tempo per parlare e confrontarsi ed è per questo che si rischia di perdere il nostro bagaglio culturale”. Gli Etnomusicantes sono l'unico gruppo folk di Mattinata e possiede abiti ed accessori originali dell'epoca. L'originalità, la caparbietà e l'orgoglio di difendere la propria terra ha fatto sì che Vaira&Co. crescessero, tanto da varcare i confini strettamente locali. “Tante sono le date del tour Etnolive duemiladieci – conclude Vaira-.Una delle più importanti è la partecipazione al “Popolo e Tammorra folkfestival”, il 23 luglio nel fantastico scenario della costiera amalfitana. In seguito saremo in tour con ReteSmash Gargano nelle date 31 luglio (AcquaPark Ippocampo), 7 agosto (Piazza Duomo – Manfredonia), 22 agosto (Piazzale Palazzetto dello Sport – Mattinata)”.

Per tutte le altre date dei concerti è possibile seguire il gruppo su Facebook, su www.myspace.com/etnomusikantes oppure contattando il 3475659573. Gli Etnomusicantes sono la viva testimonianza che solo le tradizioni possono rappresentare il ponte tra passato e futuro.

Fonte: Matteo Palumbo
L'Attacco del 16/07/2010

Foto