Un bosco per Kyoto al Parco del Gargano

Premio per la difesa e la tutela dell'ambiente
20 Gennaio 2009
L'avv. Giandiego Gatta, presidente del Parco Nazionale del Gargano, e sotto il deputato ulivista Michele Bordo.
L'avv. Giandiego Gatta, presidente del Parco Nazionale del Gargano, e sotto il deputato ulivista Michele Bordo.

Aver operato con grande impegno personale per la tutela dell’ambiente naturale del Parco e, in ultimo, aver cercato di ricostruire parte di quel territorio ferito dagli incendi dolosi dell’estate 2007.

E’ la motivazione adottata dalla commissione giudicatrice (Presidente Anna Maria Fausto, Direttore del Dipartimento Scienze Ambientali dell’Università della Tuscia; membri: Claudio Baffoni, responsabile del progetto Roma per Kyoto, Vincenzo Ferrara, dirigente ENEA e Riccardo Valentini, direttore del Dipartimento Scienze Forestali dell’Università della Tuscia) per il riconoscimento del premio un Bosco per Kyoto 2008/2009 al Parco Nazionale del Gargano per l’attività svolta durante l’anno 2008. La Manifestazione è stata allietata dalla presenza del sindaco di Roma, onorevole Gianni Alemanno e dal Presidente del Parco Giandiego Gatta che ha sottolineato i grandi sforzi e il riconoscimento sul versante della tutela ambientale. Ha rivolto un ringraziamento agli ambientalisti dell’Accademia Kronos che, senza mai chiedere nulla, gli hanno concesso questo riconoscimento che sarà da stimolo a proseguire sulla strada intrapresa della tutela e della conservazione dell’habitat naturale del Gargano.

Un Bosco Per Kyoto è un Premio internazionale, giunto alla sua quarta edizione, promosso dall’Associazione Onlus Accademia Kronos, con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica che ogni anno viene assegnato a personalità scientifiche e politiche che più di altre si sono distinte nella difesa dell’ambiente e della qualità dell’aria nel loro Paese. In particolare il riconoscimento viene conferito a chi ha adottato o pubblicizzato sistemi per il risparmio energetico e per la riduzione di gas serra nell’atmosfera. La manifestazione ha visto la premiazione di personalità straniere come la scienziata austriaca Helga D. Kromp-Kolbo e il brasiliano Plinio Leite de Encarnacao, leader ambientalista sudamericano.

La redazione