Ultimo consiglio comunale prima della pausa estiva

Riperimetrazione del Parco: deciso rinvio della discussione
31 Luglio 2004
Senza didascalia
Sarà stata l'atmosfera vacanziera che qui avvolge ogni cosa, sarà stato il caldo delle aule del museo civico, fatto sta che il consiglio comunale ha esaminato tutti gli argomenti in poco più di un'ora. La composizione del consiglio presentava l'altra sera ben due novità: il ritorno, dopo una lunga convalescenza, alla vita amministrativa attiva del consigliere dello Sdi Michelantonio La Torre e l'ingresso di Michele Trotta al posto di Michele Bisceglia, che il giorno prima aveva deciso di lasciare l'assise cittadina, comunicando le proprie dimissioni ìper motivi personaliî.

Al nuovo consigliere Trotta e al ristabilito La Torre sono giunti gli auguri da parte del sindaco e di tutti i presenti. Il gruppo consiliare di maggioranza (coalizione civica ìMattinata vivaî) ha annunciato il nominativo del nuovo capogruppo che prende il posto di Michele Bisceglia: è Lorenzo Bisceglia, al quale pure sono stati espressi gli auguri di rito e l'apprezzamento per l'impegno a seguire con costanza i lavori consiliari.

Sono passati a larga maggioranza (con il voto favorevole pure di Anna Teresa Ciuffreda, Nuovo Psi) sia la variazione al bilancio preventivo 2004 (astensione da parte dello Sdi e del rappresentante dell'îUlivo per Mattinataî), sia l'approvazione del rendiconto della gestione 2003 (questa volta lo Sdi e l'Ulivo hanno votato contro).

Ma gli argomenti politicamente più significativi erano quello della presa d'atto dei risultati della conferenza di servizi sull'accordo di programma con la società ìIl Porto s.r.l.î e la proposta di nuova perimetrazione del Parco del Gargano. Sulla prima questione il Consiglio, con l'astensione dello Sdi e dell'Ulivo, ha fatto propria la riduzione della struttura turistico-ricettiva da farsi sulla collina nei pressi del porticciolo garganico dagli originari 22.000 metri cubici agli attuali 12.000. Per quanto concerne la spinosa questione della riperimetrazione del Parco, con riduzione dell'area del territorio comunale rientrante nei confini dell'area protetta, così come stabilito dalla conferenza dei capigruppo, si è deciso di rinviare la decisione ad altra data. Infatti, da un lato, dopo la gestione del territorio del Parco che si è avuta negli anni scorsi, vi è l'esigenza di una maggiore flessibilità e vicinanza alle ragioni dello sviluppo e degli insediamenti umani, dall'altro emerge pure la fondata preoccupazione che la proposta di fuoriuscita di zone del territorio comunale dall'area Parco non arriverebbe mai in porto, per il pregio ambientale dell'intero territorio mattinatese e per la conseguente netta contrarietà già annunciata da parte di tutti gli enti (Parco, Regione Puglia, Ministero, Conferenza mista Stato-Enti locali) a ogni ipotesi di riduzione. Così, senza raggiungere alcun risultato concreto, si esporrebbe soltanto Mattinata, ad un'ulteriore sconfitta in termini di presentabilità turistica, e quindi in termini economici.
Francesco Bisceglia