Operativa la rete wireless e già in tanti hanno ritirato la password di accesso

Mattinata tra i nove comuni garganici che hanno preso parte al progetto WDCNET
3 Novembre 2008
Mattinata
Mattinata

Sono già tanti i cittadini mattinatesi che hanno fatto richiesta della password per accedere ad internet senza spese e senza fili. Da qualche giorno infatti è operativa la connessione al wireless network attivata nel Comune di Mattinata.

L'iniziativa rientra nel progetto Cittadinanza digitale sviluppata su rete wireless in aree geograficamente isolate, finanziato dall'Unione Europea su proposto dalla Comunità Montana del Gargano e a cui hanno preso parte diversi comuni; oltre a Mattinata Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Monte Sant'Angelo, Peschici, San Marco in Lamis, Sannicandro Garganico e Vico del Gargano. Si chiama Wdcnet, acronimo di Wireless Digital Citizenship Net, ovvero in italiano ìrete di cittadinanza digitale senza filiî. Il rilascio delle password, come ha previsto la Giunta comunale in una apposita delibera, dovrà essere effettuato, compatibilmente con gli altri carichi di lavoro, entro tre giorni dalla richiesta. Funzionario incaricato al rilascio è Francesco Esposito, Responsabile dell'Urp (Ufficio Relazioni con il Pubblico).

In base al Decreto del Ministro dell'Interno in materia, il Comune è tenuto a identificare chi accede ai servizi telematici offerti, prima dell'accesso stesso o dell'offerta di credenziali di accesso, acquisendo i dati anagrafici riportati su un documento di identità, nonchè il tipo, il numero e la riproduzione del documento presentato dall'utente e rendere disponibili, a richiesta, anche per via telematica, i dati acquisiti, esclusi comunque i contenuti delle comunicazioni, al Servizio di polizia postale e delle comunicazioni. "Si tratta - afferma il sindaco Angelo Iannotta - di un'infrastruttura telematica che renderà più facile e veloce mettersi in viaggio sulle autostrade informatiche e affacciarsi su nuovi orizzonti, scoprire la libertà di comunicare e di allacciare rapporti umani a distanza".

Francesco Bisceglia