Peschici, ecco il giro d'Italia

''Una tappa e un appuntamento anche nel segno del riscatto''
15 Maggio 2008
Senza didascalia
E' il giorno del giro d'italia.

Peschici s'è vestita di rosa per accogliere i girini che, per la terza volta in otto anni (un vero e proprio record per il Gargano e la Puglia stessa), taglieranno il traguardo posto, come è tradizione, in via Mohtesanto, leggermente in salita, dopo aver percorso i 247 Km della IV tappa (Potenza-Peschici), la più lunga delle ventuno che completano l'edizione 2008 della manifestazione sportiva, tra le più amate dagli italiani.Un'altra giornata da incorniciare, come lo sono state le due precedenti, rispettivamente il 18 maggio del 2000 e il 16 maggio di appena due anni fa. Nel 2000, a tagliare, per primo, il traguardo della Matera-Peschici fu Danilo Di Luca che lo scorso anno è arrivato a Milano in maglia rosa. Il 16 maggio del 2006 a Peschici si concluse la X tappa, la Termoli-Peschici, di appena 187 Km, la più breve del Giro, ma anche quella più a Sud dello Stivale, vinta da Franco Pellizotti, al II posto Efimkin Vladimir, III Yakovev Serguei. Maglia rosa sempre Ivan Basso che, ricordiamo, fu anche il vincitore dell'89∞edizione del Giro d'Italia.

Oggi è anche la giornata della memoria. Le immagini di fianmie e fumo che hanno segnato il 24 luglio dello scorso anno. Dolore e rabbia ma anche l'occasione per rilanciare un territorio per rilanciare un territorio che, pur ancora segnato da dolore e distruzione, ha avuto il coraggio e la forza di rimboccarsi le maniche e riprendersi, contando soprattutto sulle proprie risorse e sorretto da quello spirito che, da sempre, ha aiutato i garganici a uscire dal tunnel della disperazione. La voglia di chiudere una pagina dolorosa è stata, sin dal primo momento, la condizione che ha fatto sì che a stagione estiva alle porte, Peschici e Vieste possano garantire un'accoglienza più che apprezzabile. La macchina organizzativa, ormai collaudata, sta mettendo a punto le ultime cose. Tra le iniziative, oltre alla banda musicale, anche la consegna al vincitore della tappa verrà di un bonsai offerto dall'Amministrazione provinciale, come simbolo di pace, speranza, crescita e amore per la natura, come si legge nella motivazione. Inoltre, ci sarà anche l'esposizione delle immagini che hanno partecipato al primo concorso fotografico Le quattro stagioni del Parco.

La cronotappa:

Alle 14 è previsto l'arrivo a Manfredonia Corso Roma Innesto ss. 89 - Bivio 'La Cavola Mattinata - Centro Bivio di Mattinatella - Bivio Baia Zagare - Bivio di Pugnochiuso Vieste - viale XXIV Maggio Lungomare Colombo - Lungomare Vespucci Viale Europa - Spiaggia Scialmarino Innesro ss. 89 ss.- Bosco della Resega - Peschici - Viale Kennedy Peschici - Via Montesanto - Bivio di Torre a di Calalunga Spiaggia Scialmarino - Innesto ss. 89 Bosco della Resega - Peschici- Viale Kennedy Via Montesanto, dove si concluderà la tappa garganica.

L'arrivo è previsto tra le 16,52 e le 17,36. Traguardo Volante: Manfredonia - Gran Premio della Montagna: Rionero in Vulture - III categoria.

Visualizza l'altimetria della 6^ tappa

Visualizza la planimetria della 6^ tappa

(Tratto dalla Gazzetta di Capitanata)
La Redazione