Campo chiuso, non si gioca!

Un'ordinanza chiude il campo a Lucera. In coda vince solo la Viestese
28 Febbraio 2007
I rossoneri dell'U.S. Matinum
I rossoneri dell'U.S. Matinum
La gara tra il Nuova Daunia di Foggia e l'U.S. Matinum valevole per la 25™ giornata del campionato di Prima Categoria non si è disputata a causa dell'indisponibilità del campo, il San Pio X di Lucera, dove la squadra foggiana gioca le proprie partite casalinghe.

Una volta arrivati al campo sportivo sia le squadre che i tifosi si sono trovati i cancelli chiusi per ordinanza delle autorità competenti che non hanno ritenuto più idoneo il piccolo stadio lucerino.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Questo rinvio infatti potrebbe dare al Mattinata il vantaggio, almeno sino al recupero, di conoscere anzitempo i risultati delle avversarie dirette per tentare l'estremo e deciso assalto per uscire dalla zona pericolosa del fondo classifica. A sei gare dalla fine quello che serve però è cercare di tenere i nervi saldi e di non ricadere in ulteriori, e stavolta letali, cali di concentrazione, che son castati sinora carissimo ai rossoneri del presidente Gentile.

´La salvezza diretta è l'obiettivo che ci eravamo posti all'inizio della stagioneª ci dice convinto il presidente Giovanni Gentile ´e raggiungerla sarebbe un ulteriore dimostrazione del buon lavoro svolto, da tutti, nonostante i soliti atavici problemi che attanagliano la società. Riuscirci con qualche giornata di anticipo, visto com'eravamo ridotti fino a qualche giornata fa, sarebbe il vero sogno. E ai sogni bisogna credere!ª

Tutto sommato i risultati delle dirette concorrenti sono stato molto favorevoli al Mattinata. L'unica nota stonata la vittoria, seppur scontata, della Viestese, che ha sconfitto seccamente tra le mura amiche per 4-0 il fanalino di coda Terlizzi. Ora la Viestese, capace di una rimonta incredibile, è ad una sola lunghezza dai rossoneri, che domenica prossima dovranno assolutamente fare bottino pieno all'Agnuli contro l'Arpifoggia, se non vorranno rovinare i piani di salvataggio.

La Redazione